BENVENUTO nel sito www.lamiaradio.eu5.org      aggiornato il 30.07.2020      BUONA NAVIGAZIONE!

                                          HOME            RADIO            AMPLIFICATORI            CHITARRE            CONTATTI            LINK




      
    HOME
    RADIO         
    TELEVISIONE
    STEREOFONIA HI-FI
    AMPLIFICATORI
    ORGANI HAMMOND
    CHITARRE
    LESLIE
    GRAMMOFONO
    MANUALI E
SCHEMI
    RESTAURO
    MERCATINO          
    VINTAGE
   
BACHECA
    CONTATTI
    COLLEZIONE     
  













     Seguici su              
 






































































































































































                   


           Quando l'Amore diventa Poesia!
 

A tutti noi capita ogni tanto che ritornino nella mente quei piacevoli anni vissuti con i nostri genitori, rivedendo anche gli ambienti domestici con posizionato al suo posto ogni mobile ed oggetto.                                                                                                 Tra questi i vari: Radio, Tv, Combinato Stereo, Registratore a  nastro, Giradischi, Mangiadischi, Autoradio estraibile ed il Grammofono ereditato dal nonno, ormai quasi tutti non funzionanti e messi in un angolo con l'intento prima o poi di farli riparare.          Il Laboratorio di Radio e Tv d'Epoca realizza questo tuo sogno, ridà a questi tuoi apparecchi una giovanile nuova vita nella parte elettronica e nel mobile.      Utilizzandoli creeranno intorno a te una piacevole atmosfera ed affioreranno tutti i momenti belli dei tempi che furono; inoltre potrai esibirli con orgoglio perchè non hanno niente da invidiare agli apparecchi moderni.

Il Laboratorio di Radio e Tv d'Epoca, con  l'esperienza  pluridecennale,  è in grado di fornire  il  servizio  professionale  di  riparazione  dell'apparecchio ed  il restauro del mobile  della  vostra   radio  o  tv  a  valvole  nel  rispetto  delle  caratteristiche progettuali, nonché la riparazione ed il completo ripristino di amplificatori, diffusori acustici,  giradischi,  mangiadischi, autoradio,  amplificatori  di  potenza a valvole e strumenti musicali.

Prima di procedere a qualsiasi  tipo  di intervento, si provvederà a fornire al cliente il preventivo di spesa.

Lo stato dell'apparecchio prima e dopo la riparazione e le fasi del lavoro, verranno documentate con delle foto che verranno consegnate al cliente.

Per  salvaguardare  l'incolumità del mobile, l'apparecchio verrà rispedito al  cliente con un imballaggio apposito ed accurato.

Si riparano e si restaurano apparecchi di provenienza nazionale ed internazionale.

In queste pagine ed alla pagina RESTAURO, puoi verificare il livello qualitativo dei nostri lavori e le fasi della lavorazione.

IMPORTANTE!!! Tutti i radioricevitori prodotti prima degli anni cinquanta non possono ricevere i programmi in modulazione di frequenza, senza alterare le caratteristiche progettuali ed estetiche, senza conversioni e apparecchiature esterne,  abilitiamo tali apparecchi alla ricezione delle onde anche in FM.


        
            Le radio d'epoca, un tuffo nel passato...                                                                                                                   
            ...in  qualche  armadio  ci  sono  le  cose  che  ti  hanno accompagnato  per  un  po' in questa   vita,    
            restaurarle   é   riviverla,   vederle   è   come   donare   un   po'   del   tuo   passato,  collezionarle   é
            come se il tempo non passasse mai
.   continua...

            Strumenti musicali:

             Amplificatori a valvole
          Il  suono acustico di una chitarra elettrica a corpo  solido  é  molto  debole  e  poco  percepibile  data  
             l'assenza  della cassa di risonanza, per questo  é necessario l 'ausilio di un  amplificatore.   continua...


            Chitarre
            Ogni chitarra è unica, così come ogni musicista ...
                Le  qualità  della  chitarra, nel  tempo, dipendono  dalla  manutenzione, dalle  regolazioni e dalle
          riparazioni che dovranno essere  effettuate  tenendo  in  considerazione le  caratteristiche della
          chitarra e lo stile del chitarrista.  
continua...  

        Leslie,  Organo  Hammond  e  suo  funzionamento  con  milioni
        di suoni
possibili

            Era il 1935 quando Laurenz Hammond inventa  il suo storico organo elettromeccanico (elettrofonico),
            con lo scopo di creare uno strumento il più possibile simile all’organo a canne ma meno costoso; era
            nato il "modello A".Il  più  ricercato   dai  collezionisti  è   invece  un  modello,  costruito  negli  anni 50
            nello  stabilimento  Hamond di Chicago, denominato “modello B3”, con  due manuali  a  61 tasti e 38 
            drawbars.
            Il mobile del B3 venne  realizzato lasciando  la  parte bassa aperta e venne equipaggiato con quattro
            eleganti gambe in legno.
            Altrettanto  famoso fu  il C3, elettricamente uguale al  B3  ma con un mobile chiuso nella  parte bassa.
            Col  passare  degli  anni  i modelli vennero  migliorati  ed  arricchiti,  oggi il più facile da  reperire  è il
            “modello A100”, con le stesse caratteristiche del B3 e il C3, ed equipaggiato con  un amplificatore di
            potenza, un  sistema  di  riverbero  elettronico e tre  altoparlanti.

            I diffusori della  Leslie  erano molto spesso  abbinati agli organi Hammond. Presto  i  diffusori  Leslie 
            divennero  lo  standard   di  ogni  installazione  Hammond  se si desiderava  produrre  il caratteristico
            suono quasi "brontolante".

            Oggi  la  sua  popolarità  è  in  continua  crescita  grazie  al "ritorno" del  suono analogico  e ad
alcuni
            giovani ma già grandi musicisti che lo hanno eletto come strumento di riferimento nonostante non sia
            in produzione da decenni.  
continua...


            Vinile. L'inestinguibile fascino del disco nero

I millimetrici  solchi  che lo distiguono  imprimono, nella  memoria, le storie  dei  cantautori che hanno accresciuto la  cultura  italiana; incuriosiscono  i neofiti rockers che, piano  piano, si avvicinano ai vecchi dischi di Pink Floyd,  Beatles e Rolling Stones.

In  origine,  i  dischi  furono  prodotti  in  gommalacca  e  lo  scopo
iniziale  era  quello  di  dare  voce   a  giocattoli   parlanti.  Il  disco
fonografico  a  piastra   circolare   (inventato  da   Emile   Berliner)
sostituiva  nel 1888 il cilindro  fonografico di Thomas Alva Edison
già   ideatore  di  prototipi   cinematografici  e  in  assoluto   primo inventore di un supporto  audiofonico.

          Nasceva un  vero e proprio  "piatto"  su  cui  la puntina del grammofono calcava  inarrestabile  quei 78
          giri di musica, prestando la voce agli eroi del jazz e dello swing, riempiendo  di  adrenalina  le  gambe
          delle  ballerine  di  Charleston  e  portando  allegria  nelle  case degli stanchi  lavoratori di  campagna.
          Poggiando  la puntina  sulla  superficie  scura  e  lucente  del  vinile, s'inebriavano  di quelle  vibrazioni
          emesse dalla cornucopia dorata.

          Quando  nel  1950  i Beatles calcano  la  scena  di  Amburgo, il  Vinile  è  ormai il supporto più  diffuso
          nella sua variante conosciuta: il formato a 33 e 45 giri al minuto, prodotto  in Polimero di
Vinile  (PVC)
          fu distribuito per la prima volta dalla Columbia Records nel 1948.  

          Il   Vinile   restituisce   un   piacevole   ascolto   difficile   da   realizzare   con   i  dispositivi   digitali
          come  i compact disc, dischi  video  e  gli altri  riproduttori digitali.Questo è  il  motivo per cui il suo 
          utilizzo continua ancora oggi
. continua..

          Stereofonia

          Nel 1931 negli studi londinesi di Abbey Road  Alan Dower Blumlein inventa il suono stereofonico, una 
          tecnica di riproduzione e registrazione a più  flussi  sonori, conservando  l'effetto  della  profondità
          del
  campo acustico con la sensazione che i suoni provengano da diverse direzioni.

                                                            
La  stereofonia  abbreviata  in  stereo, si  propone di  consentire la riproduzione   della   scena  sonora   originale,  simulandone  le  tre dimensioni     (larghezza,    altezza     e     profondità),    nonchè    di mantenere  l'equilibrio   timbrico  e  tonale  dell'evento, cosa  che  è impossibile  quando   la   riproduzione   è   effettuata   da  un  unico altoparlante. 

Ognuno dei  molteplici   flussi   informativi sonori, è destinato ad essere riprodotto da  un diverso diffusore  acustico  posizionato   nell'ambiente d'ascolto    diversamente    rispetto    a    tutti  gli   altri  secondo  regole prestabilite. 
       



         Alta Fedeltà
     
Il termine iniziò  ad  essere utilizzato dagli appassionati di musica  per indicare delle  apparecchiature
         per la riproduzione del suono dotate di qualità superiore alla  media. Si è  particolarmente  diffuso con
         l'avvento  della  stereofonia,  che  per  le  sue  caratteristiche,  rendeva   l'effetto  di diafonia  del  suono
         naturale, garantendo una qualità di ascolto superiore  ma  imponendo necessariamente una maggiore
         qualità delle apparecchiature di riproduzione.   continua...

      Televisione.Uno dei mezzi di comunicazione di massa  tra i più diffusi e
       apprezzati  al
  mondo


         L'invenzione  della   televisione  fu  il  risultato  di  un  lavoro svolto  da molti scienziati e inventori, spinti
         sia da motivazioni  ideali che dalla volontà di  profitto, a  partire dalla fine del  XIX secolo.

         La  televisione  di  Baird  fu  in seguito definita
televisione  elettromeccanica  perché  l'apparecchio di
         ripresa  delle  immagini  e quello di visione si  basavano su  un  dispositivo elettromeccanico inventato 
         il  24 d icembre  1883  da  Paul   Gottlieb  Nipkow,  il  disco  di   Nipkow. Fu  definita  elettromeccanica
         per differenziarla dalla
televisione elettronica inventata negli anni  seguenti e  tuttora utilizzata.

                                                                                          
La   televisione   elettronica   fu   realizzata   per  la   prima
volta  il 7 settembre 1927 dall'inventore statunitense  Philo Farnsworth  nel  proprio laboratorio    di    San  Francisco.
La  definizione è dovuta  al  fatto  che sia l'apparecchio  di ripresa   delle    immagini   sia   quello   di   visione   erano
realizzati  con  un  dispositivo  elettronico,  il  tubo a  raggi
catodici,  inventato  dal  fisico  tedesco  Ferdinand   Braun
nel
  1897.  Questa   tecnologia  è   tuttora  utilizzata:   è stata  tuttavia   sostituita  negli  apparecchi  di  ripresa (telecamera)   dai  sensori   CCD   e   CMOS,  mentre
negli     apparecchi   di   visione   (televisore,   monitor
e   videoproiettore)    dalla   tecnologia    al  plasma,  a cristalli  liquidi  (LCD), OLED  e  altre   ancora  in  fase
                                                                                            sperimentale.


      
La   televisione   è  il   medium   più   studiato  e  discusso   nella  storia   della   comunicazione.
       Gli  esperti si sono  soffermati, spesso  e  soprattutto, sulle ripercussioni  sociali  che  questo    potentissimo    
       mezzo  ha  avuto, ha  e avrà sulla società
. continua...
  












































                                                     
www.lamiaradio.eu5.org  by Laboratorio di Radio e Tv d'Epoca


Free Web Hosting